Tutto quello su cui è necessario essere correttamente informati a proposito di questa disciplina della medicina. Quasi il 20% della popolazione ha almeno un disturbo psichiatrico, la maggior parte di questi possono essere ben curati e una buona cura migliora la qualità di vita della persona affetta.

venerdì 23 gennaio 2009

DISTURBI ALIMENTARI E TERAPIA CON REALTA' VIRTUALE

Parliamo di approcci innovativi, almeno nella strumentazione che viene utilizzata dal momento che il razionale, cioè la teoria del condizionamento che regola i comportamenti e la possibilità di modificarli proprio nuova non è, essendo stata formulata almeno un secolo fa. La sfida che vogliamo raccogliere è quella di far uscire queste proposte dalla dimensione del protocollo "disponibile" e farle entrare nella dimensione operativa di applicazione pratica.
Vedo che altri si stanno muovendo in questa direzione e ne sono compiaciuta perchè sono davvero convinta che a critiche di stampo ideologico fatte alla psichiatria si può rispondere davvero in modo appropriato solo con i fatti e i risultati, possibilmente testimoniati proprio dalle persone che hanno avuto vantaggi significativi per la loro vita.

martedì 13 gennaio 2009

FOLLIE DEL TRAFFICO E PENSIERO POSITIVO


Stamattina sul solito percorso verso Milano sulla superstrada da Lecco 10 km di coda fino a Monza per scoprire che l'incidente era avvenuto sull'altra corsia tra un camion ed un autobus.


Potenza dell'umana curiosità! o per dirla con Cloninger la dimensione temperamentale del Novelty Seeking..


Come non essere vittime delle emozioni negative che spontaneamente in circostanze del genere ti fanno venire sulle labbra gli epiteti più coloriti?


Almeno in due modi:


Da lì in avanti si è potuto raggiungere il centro di Milano con la stessa rapidità dei giorni di ferragosto, e dal momento che su quella strada a quell'ora la coda la trovi dopo di solito, il ritardo totale è stato solo di 20 minuti (tempo di percorrenza dei 20 km 80').


Per come funziona il cervello umano questa curiosità è l'espressione più bassa e primitiva del bisogno di fare sempre nuove esperienze che spostano in avanti i confini della nostra ignoranza.


Una sorta di scotto da pagare, insomma..


"... Non vogliate negar l’esperienza di retro al sol, del mondo sanza gente.Considerate la vostra semenza fatti non foste a viver come brutima per seguir virtute e conoscenza"(Dante Alighieri, Divina Commedia, Inferno canto XXVI, 116-120)

giovedì 8 gennaio 2009

I MEDIA E LE "NOTIZIE" PSICHIATRICHE


Voglio raccontarvi brevemente qualcosa che mi ha molto colpito e fatto riflettere a proposito del ruolo negativo che un certo modo di fare informazione ha su coloro ai quali questa informazione è diretta. Ne parlo esemplificando con un tema psichiatrico ma temo che possa essere generalizzabile a gran parte dei temi trattati dai mezzi di informazione. Chi ha fatto l'esperienza di aver assistito personalmente ad un fatto di cronaca,  qualcosa che poi è stato riportato sui giornali o in tv, di solito constata tristemente quanto sia grande il divario tra ciò che è di fatto avvenuto e quello che viene divulgato.
Parlo del suicidio del giovane Maiorana, variamente descritto dai media oltre che nel fatto in sè, nella drammaticità del contesto familiare in cui è iscritto, anche nelle supposte motivazioni che avrebbero portato il giovane a questo gesto estremo. Dopo aver letto e visto i vari articoli e servizi trasmessi dai media in qualità di semplice utente appunto di questi media, ho avuto la ventura di conversare con persone che hanno conosciuto il giovane e la sua famiglia direttamente e il quadro del percorso del "disagio" psicologico che ne è emerso era ben diverso: disagio annoso, ben precedente alle vicende che hanno portato alle cronache padre e fratello e soprattutto noto e "gestito" anche se evidentemente in modi che non ne hanno impedito l'esito estremo.
Sono molto interessata alle polemiche purtroppo ideologizzate politicamente che utilizzano le notizie dei giornali, nel modo in cui i giornali stessi le propongono, per fare proseliti contro la psichiatria. Mi domando quanto il modo di dare queste notizie, semplicistico, impreciso, giusto per avere il titolo ad effetto non giustifichi certi atteggiamenti aprioristicamente CONTRO la psichiatria.